Microsoft Surface RT

Spread the love


Surface Rt
Il primo tablet di Microsof basato su Windows RT ha fatto il suo esordio sin Italia lo scorso 14 febbraio e vi abbiamo avuto modo di raccontarvi le impressioni di utilizzo a caldo in occasione della presentazione italiana. Nei giorni scorsi abbiamo continuato ad utilizzare il tablet Microsoft che torniamo a conoscere ancor pi? nel dettaglio con nuove foto ed impressioni.

SURFACE RT: COSTRUZIONE E DESIGN DI RIFERIMENTO

Microsoft Surface RT ? un prodotto che non fa rimanere indifferenti gli appassionati di dispositivi hi-tech. Come avevamo anticipato nei giorni scorsi, la natura di prodotto di riferimento per la categoria di appartenenza si percepisce non appena si inizia a maneggiare il device. Non passa inosservato l?impiego di materiali pregiati nella realizzazione della scocca che utilizza una lega di magnesio, tre volte pi? resistente dell?alluminio ed in grado di restituire un buon feeling in termini di solidit? quando si maneggia il terminale. La particolare lega contribuisce anche a mantenere relativamente contenuto il peso che si arresta a 680 grammi. Per avere un parametro di riferimento l?iPad di Apple pesa 652 grammi in versione solo WiFi. Microsoft Surface RT dal punto di vista del peso consente quindi di effettuare le stesse valutazioni che si fanno con iPad. Non ? una piuma, ma non ? certo proibitivo da maneggiare anche senza essere costretti a poggiarlo su una superficie.

 

 

Il livello costruttivo elevato si riflette anche sul?display da 10,6???che ? protetto davetro Gorilla Glass 2?ed ??di tipo IPS con risoluzione?1366?768 pixel?etecnologia ClearType HD. Non crediamo si debba necessariamente gridare allo scandalo se il display non ? di tipo FullHD e non offre livelli di densit? di pixel da record. La tecnologia ClearType migliora effettivamente la resa dei caratteri, mentre la qualit? del pannello ? consona per un device di riferimento per la categoria. I colori sono molto naturali, il contrasto ? buono e, nell?utilizzo reale (leggasi rimanere incollati con lo sguardo a pochi cm dal display) l?assenza di un pannello FullHD o con risoluzione superiore non pesa eccessivamente.

 

 

QUESTIONE DI SUPPORTO

Un paragrafo contrassegnato da un titolo volutamente ambiguo quella che segue, un titolo che vuol mettere in evidenza, al tempo stesso, uno dei tratti caratteristici del tablet, ovvero lostand integrato?e la presenza del sistema operativo Windows RT che ha ancora tanto da dimostrare per quanto riguardo il parco applicazioni e il supporto che ricever? ?da parte degli sviluppatori.

La base solida in lega di magnesio, apribile e richiudibile?grazie ad un meccanismo che, per ora, non ha mostrato particolari debolezze, ? un particolare che potrebbe essere a prima vista sottovalutato, ma rappresenta un valore aggiunto non da poco del Microsoft Surface RT. Dopo aver provato vari tablet Windows RT e 8, siamo propensi a concludere che la soluzione scelta da Microsoft ? quella che riesce, per certi versi meglio di altre, a combinare le esigenze della trasportabilit? ?con quelle della fruibilit? dei contenuti ?in contesti prettamente lavorativi (ad esempio poggiando il tablet sulla scrivania con il supporto aperto), in mobilit? e in scenari pi? ?ludici? (ad. esempio comodamente seduti sul divano con un uso prettamente tablet e base richiusa).

Basta un secondo per creare la propria mini postazione ed essere pronti per lavorare o, semplicemente, navigare sul web.?La particolare conformazione dei bordi del device consente di sfruttare lo stand integrato anche per tenere orientato il device in modalit? portrait.

Particolare del supporto integrato e del conettore di ricarica con aggancio magnetico

Il secondo supporto che non ? ancora cos? solido come lo stand integrato nella scocca ? quello che dovr? essere dato dagli sviluppatori delle applicazioni Windows RT, le uniche installabili nel?Surface,?che ? incompatibile con le app x86 come ? ormai noto. Non manca tuttavia, la?suite Office che costituisce un altro importante valore aggiunto del tablet fruibile sin da subito. Il supporto dovr? anche essere offerto anche dai produttori di periferiche compabili con Windows RT (ad esempio, per ora, non abbiamo trovato il modo di configurare la nostra stampante WiFi a causa dell?assenza di driver adatti a Windows RT).

MICROSOFT PUNTA ALLA SOSTANZA

Dopo tanti tablet (Android, iOS e BlackBerry) che hanno fatto desiderare feature in altri ambiti scontate, Surface RT soddisfa le richieste del pubblico che chiede, spesso, sostanza e flessibilit? di utilizzo ai produttori di dispositivi mobili. Il settore connettivit? del Microsoft Surface RT e un sistema operativo imparentato con Windows 8 (pur distinguendosi da esso) ? un altro punto a favore del tablet.

In uno scenario di mercato in cui ?i servizi cloud sono sempre pi? diffusi, la presenza di una?porta USB in formato standard?pu? sembrare quasi superflua. GB di dati vengono archiviati quotidianamente in servizi come Dropbox, Google Drive, SkyDrive e simili. Eppure, l?ipotesi dell?amico o del collega che intende passarci dei file memorizzati su chiavette ? ancora tutt?altro che infrequente.Collegare al Surface RT chiavette USB, Joypad (naturalmente quello di Xbox 360 viene riconosciuto senza incertezze), hub USB e HD esterni avviene con la stessa naturalezza con cui si svolgono le medesime operazioni sul PC. Un dato scontato per un notebook, un ultrabook, ma non per un tablet, che, se supporta la modalit? USB OTG, richiede sempre un cavetto adattatore microUSB- USB OTG che, puntualmente, non ? mai a portata di mano quando serve.

La sostanza di Microsoft riguarda anche la piattaforma software che brilla non poco se la si rapporta a quella di un tablet con un OS ?blindato?. Un altro dato che potrebbe sembrare scontato per chi utilizza un ultrabook o un netbook ? l?accesso al file system in maniera completa.?Le operazioni di gestione di file e cartelle avvengono con il Surface RT con gli stessi meccanismi che si seguono su PC ed ultrabook. Dopo i tanti iPad usati in passato che costringevano a salti mortali non da poco per trasferire i file da un?applicazione all?altra, il tablet Microsoft fa respirare un ventata di aria fresca da questo punto di vista. Superflo ribadire che aspetti come quello sottolineato non fanno che migliorare gli aspetti della produttivit?.

Presente inoltre lo?slot micro SD e l?uscita mini HDMI?che completano un quadro della connettivit? all?interno si potrebbe far sentire solo l?assenza del ricevitore GPS e della connettivit? NFC.

POTENZA QUANTO BASTA ? PER UN TABLET

Nella scocca del Microsoft Surface RT batte un sistema?SoC Tegra 3, con frequenza di funzionamento dei quattro core a 1.3 GHz. Troviamo, di fatto, lo stesso hardware utilizzato dal nostro Nexus 7. Un dato che potrebbe far storcere il naso a chi riflette sul fatto che alla fine il Surface RT costa il doppio. Naturalmente il sistema SoC ? solo una delle componenti che incide sul costo finale e parliamo pur sempre di un tablet da 10.1 contro uno da 7?.?Il Surface ha per? 2GB di RAM, possibilit? di espandere la memoria interna tramite scheda microSD?(il cui slot ? collocato sotto lo stand) ed ? dotato nella versione base di 32GB. Di fatto ne restano, per? meno della met? a causa dello spazio occupato dal sistema operativo.

Le prestazioni reali presentano diversi alti e qualche basso.?La UI ? estremamente reattiva, le applicazioni preinstallate e sviluppate da Microsoft sono molto godibili ?e numerose altre installate dal market ?funzionano senza il minimo tentennamento. Molto buono il browser Interne Explorer 10 reattivo e pronto ad assecondare le operazioni di rendering della pagina, il pintch to zoom e il panning senza particolari incertezze. Un browser internet che renderizza i siti in maniera accurata anche quando si tratta di gestire le pagine pi? articolate con caselle di testo, elenchi scorrevoli e toolbar interattive. Per dirla diversamente, abbiamo utilizzato senza difficolt? anche il nostro editor WordPress via browser senza incertezze e lavorando, sostanzialmente, cos? come facciamo solitamente con il nostro ultrabook o desktop. Quello che cambia ? quantificabile in qualche secondo di attesa in pi? in determinati frangenti, aspetto tutto sommato sopportabile, considerato che il Surface ci permette di raggiungere autonomie sconosciute all?ultrabook che usiamo di solito.

Le applicazioni che sembrano incidere maggiormente sulle prestazioni sono i giochi.?Tegra 3 su piattaforma Android, a prima vista, sembra esprimersi meglio, forse perch? i margini di ottimizzazione dei driver di Windows RT che gestiscono il SoC Tegra 3 non sono stati ancora sfruttati del tutto. Naturalmente, la maggiore risoluzione del display rispetto ai device Android con schermi da 720p pu? aver inciso, ma il ?problema? a nostro avviso risiede nei driver che gestiscono la GPU. L?esperienza complessiva ? sostanzialmente positiva anche se crediamo che gli aggiornamenti della piattaforma e del firmware (che per altro sono rilasciati a cadenze periodiche) possano migliorare ulteriormente le prestazioni soprattutto lato GPU.

Abbiamo accennato alla potenza adeguata per un tablet, per mettere in guardia il potenziale acquirente sul livello di prestazioni che ? lecito attendersi. La suite Office funziona molto bene, Internet Explorer anche, le applicazioni ben scritte presenti nello store altrettanto, ma non bisogna essere tratti in inganno dalla parentela con Windows.?Il Surface RT ? un tablet, evoluto, in grado di differenziarsi per gli aspetti della produttivit? dai tablet sino ad ora presenti sul mercato, ma resta, tendenzialmente, un tablet e non un ultrabook.?Questo ruolo, al momento, viene svolto dal suo fratello maggiore il Surface Pro non arrivato ancora in Italia.

LA TASTIERA ?MAGICA?

3 millimetri sono sufficienti a Microsof per reinventare il concetto di tastiera e fonderlo con quello di cover. Naturalmente parliamo della Cover Touch e non di quella dotata di tasti fisici pur disponibile per l?acquisto. Abbiamo scelto la tastiera touch perch? oltre ad essere quella pi? ?rappresentativa? ? anche quella che ci ha incuriosito maggiormente. Non nascondiamo che ci siamo avvicinati alla tastiera con un certo scetticismo, considerandola, pi? che altro, un techno-gadget difficilmente impiegabile in uno scenario d?uso di produttivit?.

Dopo aver utilizzato la tastiera per un intenso week-end dobbiamo ricrederci sulle sue qualit?. A scanso di equivoci, la tastiera richiede un fisiologico periodo di training la cui durata varier? da utente ad utente. Non ? detto che Il feeling scatti per tutti in egual misura e non possiamo che portare la nostra personale testimonianza. La prima difficolt? che si incontra nell?utilizzo della touch cover ? quello dell?identificazione dei ?tasti? (meglio definirle?zone di pressione) che hanno un rilievo minimo. Chi ha una sufficiente dimestichezza con le QWERTY e digita solitamente senza guardare la tastiera, dopo aver preso le misure con il nuovo strumento di input, dovrebbe riuscire a raggiungere discrete velocit? di digitazione.

La touch cover integra anche una zona dedicata al?trackpad e ai due tasti del mouse, entrambe, al pari dei tasti hanno esibito una sensibilit? superiore alle nostre aspettative.?Col tempo, ?l?assuefazione? della sottile touch cover migliora e, pur essendo qualcosa di molto diverso da una tastiera fisica, svolge adeguatamente il suo lavoro.?Da tener presente, tuttavia, che i ?tasti? per ovvie ragioni non offrono alcune tipo di feedback e tale circostanza ?pu? risolversi, alla lunga, in una maggior fatica a carico delle dita.

Superfluo ribadire che rispetto ai tablet Windows 8 o RT sprovvisti di tastiera, il Surface con la Touch Cover ha una marcia in pi??(a patto di metabolizzare il suo principio di funzionamento). Ricordiamo in ogni caso che la touch cover, per quanto sufficientemente rigida ed utilizzabile in situazioni di emergenza e con qualche difficolt? anche quando si tiene poggiato il tablet sulle gambe, ? nata per essere usata su una superficie piana. Solo in tale contesto riesce a svolgere al meglio la sua funzione (chi pianifica sessioni di lavoro comodamente sdraiati sul divano con il tablet poggiato sulle gambe, dovrebbe rivedere i suoi piani o familiarizzare con la tastiera virtuale).

La touch cover ? una della tante tastiere che possono essere connesse al tablelt (nulla vieta di usare una tastiera USB ad esempio), ma ? sicuramente quella che esprime un?buon compromesso tra la trasportabilit? e l?utilizzabilit?. Basta agganciarla e sganciarla attraverso il sistema magnetico (molto solido) per cambiare ?assetto? al tablet e quando il tablet ? a riposo si pu? lasciare collegata la tastiera che diventa a tutti gli effetti una cover. Da precisare il fatto che?la cover touch contribuisce a far lievitare il peso del tablet di altri 200 grammi.

WINDOWS RT: L?ECOSISTEMA A ?PIASTRELLE? INVADE IL MONDO TABLET

Impossibile parlare del Surface RT senza accennare agli aspetti prettamente tablet della UI. Lasciando da parte l?accesso al desktop che, per sar? pi? limitato rispetto a quello effettuato con i ?tablet Windows 8 x86, buona parte del tempo verr? trascorsa dall?utente nell?interfaccia tablet e con le applicazioni presenti nello store pensate per l?uso touch.?Windows RT ? un ulteriore tassello dell?ecosistema che si articola nei sistemi desktop con Windows 8 e negli smartphone con Windows Phone 8.?La continuit? sia a livello estetico e funzionale, sia per quanto riguarda i servizi a cui possono accedere il Surface RT, il nostro PC e il nostro smartphone Windows Phone 8 ? evidente e l?anello di contatto principale ? rappresentato dall?interfaccia utente

Il layer grafico di Windows RT ? uno degli aspetti pi? riusciti del Surface di Microsft. Tra gesture che diventano moto naturali dopo un po? di pratica, strumenti di ricerca contestuali, integrazione con i social network ai massimi livelli, il sistema operativo risulta subito accattivante.

I contatti del nostro ?Club? di Windows Phone 8 creano appuntamenti e note e il nostro Surface le mostra in tempo reale sul calendario sfruttando un sistema di Live Tiles analogo a quello di WP8. Iniziamo una conversazione sul tablet Surface RT, sfruttando il client Messenger, e la proseguiamo in mobilit? con lo smartphone Windows Phone 8 continuando a visualizzare l?intera cronologia della conversazione. Scattiamo una foto con lo smartphone e la sincronizziamo in automatico con il desktop e il Surface RT, sfruttando SkyDrive. E? questa l?esperienza utente senza soluzione di continuit? che si pu? provare usando il Microsoft Surface in abbinamento agli altri elementi dell?ecosistema. Nulla di ?rivoluzionario?, visto che anche i competitor si muovono nella medesima direzione, ma sicuramente un passo importante per Microsoft che, insieme ai suoi partner, costruisce un ecosistema articolato, ricco di servizi e che ? facilmente accessibile grazie ad una UI molto ?user friendly?.

Come ricordato in apertura, il supporto dato dagli sviluppatori e la rapidit? con cui Microsoft sar? in grado di far evolvere la sua piattaforma tablet adattandola alle richieste del pubblico e tenendo il passo della concorrenza, sar? determinante per decretarne il successo.

SURFACE RT SI O NO E PERCHE? NON UN TABLET WINDOWS 8 x86?

Abbiamo lasciato per ultime le due domande pi? difficili. Microsoft Surface RT ? un prodotto consigliato e a chi ? e perch? non scegliere un tablet x86 che, in pi?, offre la compatibilit? con il mondo di applicazioni x86?

La risposta alla prima domanda dipende dalla prospettiva con cui ci si avvicina al device e dalle aspettative che si nutrono sul livello di prestazioni. A chi cerca un sostituto completo di un ultrabook consiglieremmo di attendere l?arrivo sul mercato del Surface Pro (a patto che la sua autonomia risulti adeguata alle aspettative) o gli ancor pi? performanti tablet Windows 8 della generazione successiva.?Se, al contrario,?l?interesse prevalente ? quello di acquistare principalmente un tablet, il Surface RT si presta allo scopo.

Il prezzo di lancio di 487 euro nella versione da 32GB ? allineato rispetto a quello di iPad, che per? offre alcune feature hardware indubbiamente superiori (Display Retina e SoC pi? prestante in primo luogo) e uno store molto pi? fornito. Ricordiamo, inoltre, che la touch cover va acquistata separatamente e il prezzo lievita di altri 119 euro. Per risparmiare un po? si pu? sfruttare il bundle con la cover touch nera che, per?, precisiamo, ha una finitura differente nella parte inferiore rispetto a quelle colorate e, a nostro avviso, non troppo gradevole (in stile moquette, tanto per intenderci).

Cosa offre di diverso il Surface RT rispetto ad tablet come iPad o a tablet Android abbiamo cercato di evidenziarlo nel corso dell?articolo, sottolineando gli aspetti della produttivit? e quelli della piattaforma sofware che utilizza una UI intuitiva e coerente con quella usata in ambito PC Desktop e smartphone WP.

Un interrogativo ancor pi? difficile ? quello relativo al perch? non scegliere un tablet x86 che offre la medesima ottima interfaccia, l?accesso alle medesime applicazioni dello store, ?ma, in pi?, consente di installare le applicazioni Windows tradizionali.?

La risposta che si ottiene dal Surface RT quando si prova ad installare applicazioni x86

Si potrebbe in primo luogo rispondere che il ?prodotto? Surface ? declinato da Microsoft solo nelle due varianti ?RT? E ?PRO? (W8) e che, il device in s?, grazie alla cura costruttiva, alla flessibilit? di utilizzo resa possibile dallo stand integrato e dalla touch cover, rappresenta per molti aspetti il tablet di riferimento della categoria. Surface PRO ? un prodotto differente, sia per prezzo, sia per caratteristiche a partire da quella relativa all?autonomia che, in determinati scenari potrebbe fare la differenza. Le otto ore di autonomia dichiarata da Microsoft per il Surface RT sono sostanzialmente aderenti alla realt? da quanto abbiamo potuto riscontrare nei primi giorni di utilizzo.

La reale alternativa, oggi, sarebbe rappresentata dai tablet Windows 8 x86 con sistema ATOM Z2760, un?alternativa sicuramente possibile e che andr? valutata a seconda delle esigenze specifiche ?degli utenti, con la premessa, valida per tutti, di non pensare di riuscire a mandare completamente in pensione il proprio notebook o ultrabook con un qualsasi tablet W8 o RT basato su ATOM o architettura ARM. La nostra esperienza personale ci porta a ritenere che, alla fine, le applicazioni x86 utilizzate in ambiente desktop con device ATOM Z2760 non sempre offrono quel livello di prestazioni che ? lecito attendere, soprattutto in un ambito produttivo.?La tentazione di usare un tablet x86 ATOM cos? come si fa solitamente con il nostro ultrabook con Intel I5 Ivy Bridge ? sempre dietro l?angolo, ma le prestazioni della piattaforma ATOM, purtroppo, sono ben differenti. Da questo punto di vista, pu? essere meglio usare un tablet Windows RT molto ben realizzato dal punto di vista hardware e con applicazioni ottimizzate per uso tablet, piuttosto che un tablet x86 con ATOM chiamato a fare le veci di un ultrabook (ma con prestazioni peggiori).

Facile comprendere che per giustificare l?ultima frase contenuta nel paragrafo finale, la?premessa di base ? che lo lo sviluppo dello store che racchiude le app Windows RT deve ricevere un ulteriore sviluppo sia quantitativo che qualitativo. Una?circostanza che, per il momento, non si ? ancora pienamente verificata.

MICROSOFT SURFACE: UN PROMETTENTE INIZIO

Non abbiamo ancora la possibilit? di effettuare previsioni certe sul successo che avr? il Surface RT, ma ? innegabile che il concept che lo ha fatto venire alla luce appare a dir poco riuscito e, forse, pi? che spingere il prodotto in s?, la casa di Redmond ? interessata a far affermare la filosofia che lo ispira.?Microsoft cerca di sdoganare il tablet dal tradizionale ruolo di strumento di fruizione di contenuti, per farlo diventare uno strumento di produzione di contenuti.Lo fa operando a 360 gradi, sia dal punto di vista dell?hardware, che asseconda le esigenze dell?utente sia in scenari di utilizzo da tablet puro, sia in quelli ?ibridi? in assetto ?ultrabook? grazie agli acccessori dedicati. Un concept riuscito anche per la profonda integrazione del tablet nell?ecosistema di Microsoft e dei servizi connessi e per la capacit? di offrire all?utente strumenti solitamente appartenenti all?esperienza desktop (ved. gestione file manager, pacchetto Office, etc.).

L?idea che un tablet come il Surface possa, in futuro, prendere il posto del nostro potente ultrabook o, meglio ancora, il nostro PC desktop non ci dispiace affatto, anche se ci rendiamo conto che la tecnologia non ? ancora matura per combinare l?autonomia dei tablet Windows RT alle prestazioni degli ultrabook pi? prestanti (probabilmente inzier? ad esserlo con la prossima generazione di processori Intel Haswell). Quando tale scenario si realizzer?, ricorderemo, forse, il Surface RT come il primo esemplare di una nuova specie.

N.B.?Questa ovviamente non ? una recensione completa, che arriver? nei prossimi giorni, ma il tentativo di tratteggiare l?identikit del Surface, di Windows RT e del mondo tablet Windows 8. Utilizziamo il Surface da tre giorni ed ? ancora presto per capirne i punti di forza e di debolezza, ma il primo impatto ? sicuramente positivo e diverso dal solito mondo Android e iOS che siamo abituati a vedere sui talbet.

FOnte:hdblog

Related Posts

About The Author

One Response

  1. atfal al3ab
    Ottobre 21, 2013

Add Comment